Con l’arrivo della bella stagione per molti significa il momento ideale per fare le pulizie di primavera. Arriva quindi l’occasione perfetta per fare finalmente pulizia in cantina e altri ambienti simili come possono essere il garage e la soffitta evitando che vengano utilizzati come magazzini ma siano davvero utili al loro scopo.

Procurare il materiale necessario

Prima di poter iniziare con gli sgomberi Roma veri e propri, devi procurarti tutto il macchinario necessario per procedere. Ad esempio, non possono mancare gli scatoloni di cartone o altri contenitori dove organizzare gli oggetti che decidi di tenere e conservare sarebbe meglio avere a portata di mano anche etichette, nastro adesivo e pennarelli indelebili per scrivere alcune informazioni utili sui contenitori che ti permettano di identificare in un batter d’occhio il contenuto.

Agire con una logica

I lavori durante gli sgomberi Roma vanno organizzati seguendo una certa logica. Vale a dire che non dovresti operare alla cieca organizzando e smistando oggetti a sentimento. Invece, sarebbe più opportuno iniziare da una parte e proseguire in senso orario. Potrebbe sembrare un consiglio che lascia il tempo che trova, tuttavia è molto utile per evitare la confusione e procedere in modo veloce.

Fare una cernita

Si potrebbe consigliarti ora di fare una cernita oppure si potrebbe dire con un termine più moderno come può essere decluttering. Sia come sia, durante gli sgomberi Roma di garage e cantine è necessario dividere i materiali decidendo che cosa valga la pena tenere e che cosa invece può essere buttato. In questa fase cruciale, prova a distaccarti sentimentalmente dai tuoi oggetti e rispondi alla domanda se servano davvero oppure no. L’unico aspetto che ti aiuta in questa fase riguarda la reale utilità degli oggetti che hai tra le mani.

Solo alcuni oggetti possono quindi rimanere in garage o essere recuperati mentre altri potranno essere donati ad associazioni benefiche ed enti del terzo settore o addirittura essere messi in vendita nei mercatini delle pulci, bensì chi è on-line o sulle app dedicate al second hand.

Di Editore