I sistemi migliori per allontanare i volatili

Ci sono tanti metodi di disinfestazione a Roma per tenere lontani i volatili come i gabbiani, i piccioni e simili che possono disturbare ma soprattutto sporcare molto con le loro piume e deiezioni.

Le sagome dei predatori

Per allontanare gli uccelli dai giardini, dal terrazzo ma anche dal tetto si possono usare delle sagome realistiche di predatori, si trovano molto facilmente queste sagome che riproducono gatti, gufi e anche aquile, tutti perfetti per tenere lontani gli uccelli come i piccioni e simili. Le sagome, anche se sono ferme, spaventano gli uccelli che se stanno alla larga, sono sistemi che possono avere gli occhi illuminati e anche mettere dei suoni per spaventare ancora di più i volatili.

I richiami di pericolo

Un sistema di disinfestazione a Roma contro i volatili cono risultati molto soddisfacenti è stato usare i suoni di pericolo. Per comunicare tra di loro gli uccelli usano certi suoni e di pensato di sfruttare questo sistema per tenerli lontani. Nei punti in cui gli uccelli non si devono posare sono stati messi degli altoparlanti che trasmettevano suoni usati per avvertire gli altri uccelli della presenza di un predatore. Questi suoni di allarme fanno sì che gli uccelli vadano a posarsi da un’altra parte.

I dissuasori metallici

Gli aghi di metallo, detti anche dissuasori metallici, sono uno dei migliori sistemi di disinfestazione a Roma contro i volatili. Si tratta di gruppi di aghi che vanno rivolti verso l’lato per impedire agli uccelli di trovare il posto per spostarsi. È un sistema che si usa per proteggere dagli uccelli i balconi, i cornicioni e le facciate degli edifici, in generale.

I sistemi aerei

Un metodo di disinfestazione a Roma molto valido è quello dei sistemi aerei. Si tratta di oggetti che svolazzano per spaventare gli uccelli come palloncini, girandole e simili. È un sistema molto valido che è stato preso in prestito dall’agricoltura dove si sua anche delle semplice carta argentata per spaventare i corvi e gli altri uccelli e tenerli lontani dai campi seminati.