Quando si parla di balli swing, di solito, si fa riferimento al lindy hop. Infatti, è il ballo swing più famoso che ci sia.

Lindy hop in breve

Per farla breve, si può dire che il lindy hop è un ballo swing che vanta origini afro americane. Nasce a New York e si danza in coppia. Nonostante le sue umili origini, divenne molto popolare all’inizio del secolo scorso tanto da superare ogni barriera razziale. Si contamina con le danze europee più strutturate e ligie.

Che cos’è il lindy hop

Dopo una veloce infarinatura, scopriamo più nel dettaglio da dove viene questo ballo che oggi vanta un ritrovato successo e moltissimi seguaci.. Il lindy hop nasce ad Harlem a New York intorno agli anni 20 del 900. All’epoca, la musica che andava per la maggiore era lo swing e questo era il ballo che si faceva su quelle note. Partito da un quartiere popolare multiculturale, il lindy hop ha ben presto conquistato tutti, diventando un fenomeno di massa. Per info e / o prenotazioni, vai su www.alelescompany.it

Si ritiene che il ballo abbia svolto un ruolo centrale dell’integrazione razziale. Infatti, nelle sale da ballo, si ballava il lindy hop tutti insieme, a prescindere dal colore della pelle. Dopo pochi anni, intorno agli anni 40, il lindy hop si formalizza un po’ e diventa un ballo più strutturato da fare in due. Vengono quindi definiti passi e figure di base per ballare il lindy hop che si ritrovano ancora oggi.

Come si balla il lindy hop

La coppia di ballerini per il lindy hop prevede un leader e un follower che eseguono movimenti che prendono ispirazione dalle danze tribali africane e passi dai balli europei classici. Il lindy hop ha delle caratteristiche peculiari che lo rendono unico nel suo genere; ad esempio, prevede degli schemi ritmici a sei o a otto battute.

Sebbene esistano passi e figure base, il lindy hop resta anche un ballo social che quindi propone diverse opportunità di improvvisazione. Se si balla come social dance, non ci sono vere e proprie coreografie né tanto meno routine fisse da seguire per divertirsi e sperimentare.

Di Editore